Da oggi in tutte le librerie italiane trovate il “Diario semiserio della mamma e del bebè” di Shannon Cullen, pubblicato da DeAgostini.

Di cosa si tratta? Non di un libro vero e proprio; niente romanzi, niente saggi, niente storie ironiche o elenchi di consigli ma un vero e proprio “diario” sul quale annotare, compilare, scarabocchiare i propri pensieri di neomamme che adorano il proprio bambino ma che non disdegnerebbero neppure avere il tempo per un mojito o una serata con le amiche.

É un diario che ogni neomamma dovrebbe portare con sé.

Confesso di avere sorriso molto sfogliandolo perché si sa che il primo anno di vita di un bambino non è facilissimo per una neomamma che si trova non solo a dovere imparare a gestire una vita completamente diversa da quella cui era abituata prima, quando aveva soltanto se stessa a cui pensare ma, cosa decisamente bella e impegnativa, anche imparare a “crescere” l’essere più importante della sua vita.

Questo diario è un modo per sorridere, magari anche nei momenti un po’ faticosi (ci sono), della nuova e meravigliosa situazione in cui ci si trova: in pratica ininterrottamente circondate da pappe, rigurgiti, cacche, pipì (occhio coi maschi quando li cambiate ché una pipì in faccia non si nega a nessuno…), pannolini, pianti, coliche, chili di troppo, occhiaie che arrivano alla bocca (dorme di notte?), capelli da strega, tette sempre all’aria o biberon sempre in mano ma anche da una testolina che profuma di un qualcosa di talmente buono da non riuscire a descrivere a parole e mai sentito prima, di due occhietti che fissano i tuoi, quasi a voler dire “Guarda che lo so chi sei. Sei mia madre e già ti adoro”, di primi sorrisi, di primi dentini, di prime parole e di primi passi. Di prime volte che ricorderete per tutta la vita.

Fate (quando ci riuscite) una bella doccia calda, sedetevi sul divano a prender fiato con un bel bicchiere di vino o una birretta (se allattate vada per un succo di frutta) e “costruite” il vostro diario, la vostra vita con il sorriso. E godetevi ogni istante perché crescono alla velocità della luce.

Un abbraccio a tutte le neomamme e alle future!

Antonella Pfeiffer

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Cosa ne pensi?

Questo sito usa i cookies. Cliccando su link e menu, o cliccando sul questo pulsante, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi