Ricordo il primo giorno della “sua” prima elementare come fosse ieri, temevo di commuovermi e di piangere (emozionata la ero ma non ho pianto), lui che mi diceva “Mamma non darmi la mano se no sembro piccolo” e io che lo guardavo “andare”, con la cartella che pareva quasi più grande di lui.     […]

Questo sito usa i cookies. Cliccando su link e menu, o cliccando sul questo pulsante, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi